Stalker

Una moto Triumph custom progettato e trasformato da Tamarit Motorcycles.

 

Storia di Stalker

Il mezzo centinaio di motociclette è qualcosa che si percepiva già da molte delle storie precedenti. Mentre si avvicinava un traguardo così importante, si andavano esaurendo gli aggettivi per descrivere quello che sente Tamarit per aver presentato 50 moto.

In pochi immaginavano che saremmo arrivati così lontano, e ovviamente nessuno avrebbe scommesso un centesimo sulla umile avventura nata in quel capanno sgangherato col tetto di zinco. Chi avrebbe detto che quello sarebbe stato il punto di partenza di 50 progetti?

Finalmente era arrivato il giorno tanto atteso; non perché Stalker sia una moto migliore delle sue antenate, dato che seguiamo sempre le indicazioni di ogni proprietario, ma per il raggiungimento di un numero meraviglioso a portata di pochi: non molti costruttori possono vantarsi di aver realizzato 50 progetti e ovviamente nessuno con la prerogativa che siano tutti della stessa marca e dello stesso stile. Solo noi.

Ogni moto è unica al mondo.

Personalizzazioni Triumph dalla mano del cliente.

Voglio un preventivo

Inoltre, abbiamo avuto la fortuna che il progetto 50 sfociasse in una presentazione che prese forma pian piano nella testa di Bartolomé, il suo fiero proprietario, e ovviamente che Tamarit Motorcycles fosse soddisfatta del risultato finale a livelli che nemmeno noi ci immaginavamo.

Durante il mese di gennaio 2019 ricevemmo la chiamata di Bartolomé, un ragazzo di Maiorca che mentre era in vacanza in Tailandia iniziò a conoscere molto da vicino il movimento Café Racer. Bisogna dire che proprio la Tailandia è uno dei paesi in cui la passione per le neoclassiche è letteralmente esplosa tanto da renderle un vero e proprio punto di riferimento.

Voglio una moto Tamarit

Presentazione di Stalker

Stalker fu presentata con tutti gli onori e nelle condizioni che la moto 50 meritava. Fu così che l’intera comunità motociclistica di Tamarit fu convocata di nuovo a una serata in cui non mancarono una bella atmosfera, le birre e ovviamente la grande protagonista: la bellissima Thruxton 900 rossa che aveva l’onore di segnare l’equatore del centinaio.

Voglio un preventivo

Non aveva le idee molto chiare, era una novità per lui e gli mancavano alcune informazioni. Quindi gli proponemmo varie cose, anche se inizialmente non riusciva a innamorarsene poiché non le visualizzava molto bene. Per questo gli chiedemmo un po’ di tempo per realizzare una bozza in rendering che praticamente ha lo stesso effetto di una foto. Bartolomé decise fermamente di darci piena fiducia riguardo alla realizzazione e ci mettemmo al lavoro.

La base doveva essere una Triumph Thruxton 900 a carburazione, una moto che amiamo, e l’idea era quella di una Café Racer, anche se un po’ speciale. All’inizio abbassammo la moto fino al massimo consentito dall’omologazione e dall’altezza. Restarono solo due piccole selle sia per il pilota che per l’accompagnatore. Alla fine iniziarono a sorgere i problemi, dato che, avendo accorciato tanto la moto e abbassato le sospensioni, non sapevamo dove mettere una cosa che può sembrare di troppo ma è necessaria: la targa. Quindi fu creato un braccio che l’avrebbe tenuta sospesa, il fanalino posteriore sarebbe stato costituito da una striscia di led inserita nel telaio stesso e la parte posteriore sarebbe stata completata anche da: le frecce, il nostro paracatena, il poggiapiedi, le nuove marmitte e una meravigliosa sella doppia fatta a mano.

“Stalker fu protagonista di un video commemorativo dei progetti delle moto Triumph di Tamarit realizzati fino a quel momento”.

I pezzi che spiccano di più sulla parte anteriore sono le piastre di alluminio meccanizzate con CNC, il faro 3/4 con griglia, le molle, le frecce e la centralina, le leve, gli specchietti agli estremi del manubrio, il parafango, il tappo e il paracarter. Tutta la parte metallica come le coperture del motore, le sospensioni, il forcellone etc. fu trattata con un bagno di nichel satinato con un esito eccezionale.

Voglio una moto Tamarit

Riguardo al colore, fin dall’inizio sapevamo che avrebbe prevalso il colore ghiaccio della sua carrozzeria, accompagnato da un colore molto appariscente che in questo caso specifico è un rosso carminio con dettagli bianchi.

Stalker fu protagonista di un video commemorativo dei progetti delle moto Triumph di Tamarit realizzati fino a quel momento, il quale fu girato sulle coste di Maiorca dal team di Tamarit Motorcycles, che andò lì per fare le riprese in un fine settimana ottenendo un risultato più che soddisfacente. Nessuna parola riuscirà a trasmettere quello che trasmette questo video, a noi ma anche a tutti coloro che sono interessati al nostro lavoro portato avanti già per mezzo centinaio di motociclette, e per tutte quelle che verranno!

Non produciamo 2 motociclette uguali.

Vuoi fare una moto con noi?

Voglio un preventivo
Voglio una moto Tamarit
Voglio una moto Tamarit

Hai il coraggio di fare un progetto insieme?

Voglio un preventivo