Hawkers One

Una moto cafe racer progettata e trasformata da Tamarit Motorcycles.

 

Storia di Hawkers One

A metà aprile 2017, Alejandro Coves, responsabile di Hawkers, si mise in contatto con Tamarit Motorcycles.

In quel preciso momento non poteva esserci migliore opportunità commerciale che quella di realizzare una moto per la suddetta azienda, che in un paio d’anni era diventata uno dei punti di riferimento a livello mondiale per quanto riguarda la vendita online.

Il giorno dopo, il nostro team andò negli uffici di Hawkers per farsi raccontare da Alejandro l’idea che avevano in mente, ovvero presentare a Madrid una moto che rappresentasse la collaborazione tra due marche: Hawkers e El Ganso.

Avevamo solo 25 giorni per eseguire la trasformazione e il progetto della moto. Era poco tempo, ma ci mettemmo subito al lavoro per rispettare questo termine ultimo.

La cosa più difficile non era avere la moto pronta entro quel limite di tempo, ma la burocrazia e la lentezza della comunicazione con un’azienda di tale portata, dato che ogni passaggio realizzato doveva essere approvato da varie persone e questo rallentò il lavoro.

Ogni moto è unica al mondo.

Personalizzazioni Triumph dalla mano del cliente.

Voglio un preventivo

“Avevamo solo 25 giorni per eseguire la trasformazione e il progetto della moto. Era poco tempo, ma ci mettemmo subito al lavoro per rispettare questo termine ultimo.”.

Dopo aver contattato telefonicamente vari fornitori, trovammo la moto che stavamo cercando: una Triumph Thruxton 900. Due giorni dopo la moto era già arrivata da Salamanca nei nostri impianti di Alicante.

Voglio una moto Tamarit

Ci rimanevano solo 10 giorni lavorativi per smontare la moto, farci arrivare i pezzi e finalmente realizzare la trasformazione completa. Nella verniciatura non avevamo margine di errore.

Da parte sua, Alejandro di Hawkers aveva le idee chiare. Voleva un mix perfetto tra le moto Mr. Kevin e Black Moustache.

Il Kit di rimozione del parafango posteriore, la nostra sella Jarama, il paracatena in acciaio inossidabile, delle frecce piccole e degli straordinari ammortizzatori Ohlins ornavano la parte posteriore della moto.

Furono scelte le marmitte Papillon (non possiamo negare che non sono molto comode, ma restano le più belle), le fiancate laterali perforate e il nostro paracarter Hummer per la parte centrale della moto.

Tra gli altri pezzi Triumph che completavano la parte anteriore della moto c’erano: il parafango corto, la carenatura Mr. Kevin, la griglia, il contachilometri Koso e gli specchietti sulle manopole. Riguardo alla fase meccanica si resero necessarie alcune modifiche come la ricollocazione del blocchetto di accensione, la semplificazione del sistema elettrico, la messa a punto del motore e il cambio di liquidi e filtro, dato che smontammo i coperchi del motore per verniciarli.

Voglio una moto Tamarit

Non produciamo 2 motociclette uguali.

Vuoi fare una moto con noi?

Voglio un preventivo

Hai il coraggio di fare un progetto insieme?

Voglio un preventivo
Voglio una moto Tamarit
Voglio una moto Tamarit