Titán

Una moto cafe racer progettata e trasformata da Tamarit Motorcycles.

 

Storia di Titán

Quando comincia un nuovo progetto, nelle officine di Tamarit, si apre la possibilità di creare non solo una nuova motocicletta e di poter così regalare il veicolo dei sogni a qualcuno, ma anche di poter stabilire dei legami con una persona al punto di arrivare a considerarla un amico. Molte volte la parola amico può sembrare un po’ troppo forte, però credeteci, con la quantità di contatti con i nostri clienti, con le chiamate, con le centinaia di messaggi WhatsApp tutti i giorni durante l’evoluzione del progetto, alla fine, al momento della consegna, sentiamo che è passato molto più tempo di quello in realtà trascorso e che conosciamo quella persona da molto prima. Questa è la ragione per cui amiamo i nostri progetti; conoscere e tirar fuori la personalità dei clienti e poterla rispecchiare nella sua motocicletta.

Dopo quasi 40 progetti abbiamo incontrato ogni tipo di clienti, alcuni più capricciosi e insicuri, altri con le idee chiare e inamovibili.

Come, in questo caso, Jorge (o Don Rodrigo come affettuosamente lo avevamo chiamato quando il progetto iniziava il suo viaggio), uno dalla volontà di ferro. Lui, malgrado alla fine riuscimmo a cambiare o a migliorare certi aspetti della sua idea originale, era una persona con le idee molto chiare.

Da sempre sosteniamo che i nostri clienti non smetteranno mai di sorprenderci, e in questo caso non fu di certo un’eccezione. Il progetto infatti nacque da una circostanza atipica ma bellissima: Jorge si sarebbe sposato nei mesi successivi e la futura sposa, Mary, senza pensarci due volte, decise di regalargli per la festa di fidanzamento una motocicletta. Come se non bastasse, Mary non si accontentò di una moto di serie e/o convenzionale, vista l’importanza dell’occasione, decise di regalargli qualcosa di veramente speciale e decise di comprargli la moto dei suoi sogni, una Triumph neoclassica modificata al 100% a suo piacimento. Quando ricevemmo la telefonata di Jorge nella quale ci spiegava la sua situazione e ci proponeva il progetto a tutti venne voglia di avere una fidanzata come Mary, senza alcun dubbio!

Ogni moto è unica al mondo.

Personalizzazioni Triumph dalla mano del cliente.

Voglio un preventivo

Come dicevamo prima Jorge aveva un’idea molto precisa di che cosa gli sarebbe piaciuto ottenere da un progetto di Tamarit Motorcycles e grazie anche a delle foto su Internet riuscimmo poco a poco ad avvicinarci a quello che voleva esattamente.

 

“Adoriamo i nostri progetti, essere in grado di vedere e ottenere la personalità dei clienti ed essere in grado di catturarli sulla loro moto”.

 

Rispetto alla sua idea originale accordammo di fare alcune piccole modifiche che secondo il nostro criterio erano necessarie. Dopo numerosi contatti via mail e per telefono ci riunimmo a Madrid per realizzare tutte le pratiche necessarie e cominciare il progetto a pieno titolo.

Voglio una moto Tamarit

La moto scelta per il progetto, dopo tutti quelli basati sulla Triumph Bonneville (come la Barracuda, D. Franklin e Matricer), fu una Thruxton a carburazione raffreddata ad aria, con 12 anni di anzianità alle spalle.

Anche se conoscevamo la grande resistenza e affidabilità della moto Triumph , preferimmo ripulire la vernice e risanare gli altri componenti del blocco motore fino all’ultimo centimetro, giusto per fare una messa a punto completa. Per realizzare l’idea che voleva il cliente e che volevamo noi, dovemmo tagliare il sottotelaio e modellare una sella partendo da zero, in modo che fosse personalizzato al 100% e fatto unicamente per questo progetto. Altre parti e dettagli che sarebbero dovuti essere di acciaio inox erano i parafanghi, il copri testata e l’anello del faro, grazie ai quali si ottenne un gran risultato nella combinazione con il colore nero che era quello prevalente nel resto della motocicletta, soprattutto nel telaio e nel motore.

Presentazione di Titán

La presentazione di Titano si è svolta presso il negozio Irons Café Racer, che era piccolo per tutto il numero di persone che tra persone curiose e famose affollavano il luogo, tutte affollate intorno al Thruxton 900 preparato da Tamarit Motorcycles. In mezzo a tutta la folla c’era uno dei fondatori di Tamarit Motorcycles, Quique, che prestò servizio come maestro di cerimonie.

Dotato di un microfono e tutto il resto, si è goduto il momento di parlare brevemente del progetto e di onorare il proprietario di Titano, che era stupito quando ha sollevato la tela che copriva il suo regalo di nozze.

Voglio un preventivo

C’è poco da dire invece sul lavoro di verniciatura visto che il cliente voleva, rigorosamente su tutta la moto, un nero opaco, lasciando solo una piccola concessione per l’emblema del serbatoio che venne immerso nell’ottone.
Questa volta tutto il team di Tamarit faceva rotta verso Madrid dove si sarebbe celebrata la festa di presentazione del progetto: Titán. Lungo la strada verso Madrid, dopo aver montato il rimorchio, sulla A-31, ci ritrovammo ad osservare a sinistra e a destra meravigliosi paesaggi nei quali la neve poco a poco si accumulava. Probabilmente stavamo peccando d’entusiasmo, ma era comprensibile visto che venivamo dalla costa, però, senza pensarci due volte ci fermammo nel primo posto buono e, dopo aver tolto Titán dal rimorchio, scattammo alcune istantanee con il valore aggiunto della neve. Il problema è che questo “valore aggiunto” improvvisamente si emozionò un po’ troppo e quelli che erano alcuni scenografici fiocchi di neve si trasformarono praticamente in una tormenta con tutti i crismi del caso; con la neve che stava scendendo solo potemmo resistere alcuni minuti all’aperto.

Voglio una moto Tamarit

Dopo questo aneddoto sotto zero, il viaggio fino all’Irons Café Racer (il locale dove avrebbe avuto luogo la presentazione) filò via liscio senza ulteriori intoppi. Anzi riuscimmo anche a fare una passeggiata in città e a fotografare il progetto in alcuni dei luoghi più emblematici e con le migliori inquadrature di Madrid. Durante la presentazione l’Irons Café Racer si rivelò essere troppo piccolo per la quantità di gente, tra curiosi e conoscenti, che aveva riempito il locale. Tutti accalcati intorno alla moto preparata da Tamarit Motorcycles. In mezzo alla folla c’era anche Quique, uno dei fondatori di Tamarit Motorcycles, che s’improvviso maestro cerimoniere.

Con tanto di microfono si godette il momento con una breve presentazione del progetto e facendo gli onori di casa insieme al proprietario di Titán, che rimase sbalordito dopo aver tolto il telo che copriva il suo regalo di matrimonio.

Non produciamo 2 motociclette uguali.

Vuoi fare una moto con noi?

Voglio un preventivo
Voglio una moto Tamarit

Hai il coraggio di fare un progetto insieme?

Voglio un preventivo
Voglio una moto Tamarit
Voglio una moto Tamarit